Udc: Buttiglione accoglie esponenti liberali Basini e Morandi

(ASCA) – Roma, 24 nov – ‘La vera rivoluzione liberale promessa e mai attuata da Berlusconi si incarna oggi nell’azione dell’UDC-verso il partito della Nazione. E’ per questo che molti eredi della tradizione liberale aderiscono con entusiasmo a questo progetto. E’ quanto affermano il prof. Giuseppe Basini e l’ing. Giancarlo Morandi, accolti oggi pomeriggio dal presidente del partito Rocco Buttiglione all’interno dell’UDC-verso il partito della Nazione. Per Basini e Morandi l’attuale centro-destra nel corso degli anni ha tradito sia la sua ispirazione liberale sia quella patriottica, con un partito che si chiamava Forza Italia ed e’ diventato ostaggio della Lega’. E’ quanto si legge in un comunicato dell’ufficio stampa del vicepresidente della Camera, in cui si sottolineano le ‘adesioni molto rilevanti anche per il loro significato politico-culturale. I due esponenti liberali, rappresentanti di un movimento per l’Italia liberale capillarmente diffuso sul territorio nazionale, sono stati infatti protagonisti della vita politica del centro-destra degli ultimi anni’.

‘Il prof. Giuseppe Basini e’ stato uno dei sette soci fondatori di Alleanza Nazionale, per cui e’ stato anche senatore – prosegue la nota -. Il suo saggio ‘De Libertate’, un trattato di politica liberale uscito nel 2001, ha la prefazione di Silvio Berlusconi. Gia’ tra i piu’ giovani membri della direzione nazionale del PLI, ne e’ stato presidente quando il PLI e’ stato ricostituito nel 2004. Il professor Basini e’ anche un eminente scienziato, dirigente di ricerca dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, protagonista di una rilevante ricerca presso il CERN di Ginevra sull’innovativa teoria dell’Open Quantum Relativity.

All’UDC dara’ il suo contributo anche nel campo del rapporto col mondo della scienza’.

‘L’ingegner Giancarlo Morandi, dopo essere stato segretario lombardo del PLI, e’ stato tra i primi esponenti di spicco di Forza Italia, partito per il quale dal 1995 ha rivestito il ruolo di presidente dell’assemblea regionale della Lombardia. Nel 1998 e’ stato Coordinatore nazionale della Conferenza dei presidenti dei Consigli regionali italiani. L’ingegner Morandi e’ anche un affermato manager, oggi presidente del Cobat, il Consorzio obbligatorio delle batterie esauste e si distingue nell’impegno ambientale per lo sviluppo sostenibile. A loro – conclude un comunicato – fanno riferimento numerosi esponenti della tradizione liberale italiana’.

 










Lascia un commento