Centro: Cesa, popolarismo sturziano ci insegna moderazione come metodo e solidarietà contro egoismi

A distanza di 101 anni dall’appello di don Luigi Sturzo ai ‘liberi e forti’, il popolarismo sturziano cosa ci insegna? La moderazione come metodo, la solidarietà contro gli egoismi; la necessità di ricercare una sintesi tra interessi spesso contrastanti. Nell’appello sturziano un ruolo forte e centrale lo hanno le autonomie ma sono le autonomie degli enti locali più vicini ai cittadini, i Comuni e le Province soprattutto. Lo ha detto il segretario nazionale UDC Lorenzo Cesa intervenendo stamane a Roma, all’incontro ‘Popolari 101,si riparte ?’ promosso dalla federazione Democratico cristiana e dalla fondazione Dc. “Nelle parole di Sturzo – ricorda Cesa – le autonomie hanno un ruolo ma nel quadro di un’unità nazionale che non può essere messa in crisi da un regionalismo così spinto da assomigliare alla disintegrazione del nostro Paese in una sorta di federazione tra tante repubblichette”.