Eutanasia: Binetti (Udc), Camera non è riuscita, si lasci legiferare Senato

24 SETTEMBRE DATA FISSATA DALLA CONSULTA PER COLMARE VUOTO NORMATIVO (DIRE) Roma, 18 set. – Sul fine vita “decida il Parlamento, il Senato deve poter esercitare il diritto e il dovere di legislatore”. Lo chiede il gruppo Forza Italia al Senato in un convegno a Palazzo Giustiniani, annunciando una mozione in merito. La senatrice Paola Binetti e’ chiara: “far decidere il Parlamento e’ il primo punto da cui partire. La richiesta della Corte Costituzionale al parlamento ha finora escluso totalmente il Senato”. Il provvedimento “e’ stato trattenuto dalla Camera fino ad agosto- fa presente la senatrice- poi e’ caduto il governo e ci siamo avvicinati al 24 settembre, termine posto dalla Corte” per colmare il vuoto normativo. “Chiediamo quindi che il Senato possa esprimersi e provare a fare quella legge che non e’ riuscita a fare la Camera. Proprio perche’ siamo in un sistema bicamerale perfetto, non si puo’ escludere il Senato da un tema importante come il fine vita”. Per la Binetti non e’ solo un problema di procedura, ma di contenuti. “Quando si delibera in termini di vita e morte c’e’ bisogno di andare molto a fondo perche’ la vita in gioco e’ quella di chi viene considerato scarto. Non possiamo eliminarli semplicemente perche’ in qualche modo fanno fatica a vivere”, conclude Binetti. Suicidio assistito: Bernini,Senato pronto a normare materia Suicidio assistito: Bernini,Senato pronto a normare materia Forza Italia lancia appello, Parlamento eserciti sua funzione “Il Parlamento ha alzato bandiera bianca in maniera irrituale sulla possibilita’ di legiferare sul suicidio assistito e il tema di fine vita: ora lanciamo un appello perche’ il Senato possa esercitare il diritto dovere di legislatore, di poter regolamentare questa materia”. Lo afferma la capogruppo di Forza Italia al Senato, Annamaria Bernini, nel corso di un convegno a Palazzo Giustiniani, annunciando nel merito una mozione. “Sinora non abbiamo avuto modo di legiferare, visto che l’altro ramo del Parlamento ha goduto di una specie di monopolio. Poi pero’ non possiamo lamentarci dei giudici, se noi non esercitiamo i diritto di assumerci le nostre responsabilita’. Dobbiamo essere in grado di fare una legge che regoli questa materia. Il Senato e’ pronto. Ora a noi la palla, a noi l’iniziativa legislativa: chiediamo solo alla Corte di darci il tempo di farlo”. Anche il Senatore azzurro, Maurizio Gasparri, si unisce a questo appello: “La Corte puo’ cassare le leggi, ma a noi, Parlamento, non si puo’ impedire di farle le leggi”. Lucio Malan ribadisce che il Parlamento deve esercitare la funzione che la Costituzione gli assegna. “Noi pensiamo che tutti i partiti che si candidano in Parlamento devo autodefinirsi capaci di fare le leggi. Non e’ possibile tirarsi indietro: la funzione legislativa – conclude – appartiene alle camere”. Infine, Paola Binetti denuncia una sorta di “sgarbo istituzionale” fatto dalla Corte al Senato. “Il tempo a disposizione – aggiunge – e’ stato praticamente scippato dalla Camera”. Quanto al merito, Binetti ricorda che solo in quello che si chiamava Benelux – Belgio, Olanda e Lussemburgo – c’e’ la legge sull’eutanasia: “Noi saremmo solo il fanalino di coda, il quarto Paese ad avere questa legge. Noi vogliamo tornare a legiferare su questa materia in modo positivo, per garantire cure a chi ne ha bisogno. In gioco c’e’ la vita di tantissime persone”. (Sor/Dire) 11:52 18-09-19 NNNN