Regionali: Binetti (Udc), c’è bisogno di un’ottica più centrista

(DIRE) Roma, 21 gen. – “Le elezioni regionali in Emilia-Romagna e in Calabria sono ormai giunte al capolinea e si intensificano gli eventi mediatici che danno spazio all’una o all’altra delle coalizioni, in entrambi i casi solo apparentemente unite e compatte. In realta’ come appare sempre piu’ chiaro ognuno lotta per il proprio posizionamento e poter esercitare una propria forza di condizionamento nella squadra vincente”. Lo dice Paola Binetti, senatrice dell’Udc, che osserva: “Le elezioni in Emilia-Romagna hanno lasciato sullo sfondo quelle che si svolgeranno nella stessa data in Calabria. In Emilia l’anomalia della competizione Salvini-Bonaccini ha reso totalmente sbiadita l’immagine del vero candidato: Lucia Borgonzoni, leghista. Troppo Salvini in Emilia; tropo poco Salvini in Calabria. La partecipazione del leader leghista nelle due campagne elettorali e’ apparsa fin troppo disomogenea. Forse solo perche’ in Emilia la candidata e’ leghista, mentre in Calabria la candidata Jole Santelli viene da Forza Italia e questo ha fatto sentire Salvini esonerato dal dover intervenire a suo sostegno, pur essendo della stessa coalizione. Ma lo stesso Pd, complice anche il movimento delle sardine, e’ apparso schierato in Emilia Romagna con tutto il suo stato maggiore, Zingaretti in testa; mentre non sembra che abbia fatto altrettanto in Calabria. Ancora una volta il Nord sta fagocitando tutte le risorse anche in termini di rappresentativita’ nazionale in un contesto di elezioni regionali”.(SEGUE) (Com/Anb/ Dire) 16:17 21-01-20 NNNN