Umbria: Binetti (Udc), vera rivoluzione, ipoteca pesante su Emilia e Calabria

(DIRE) Roma, 28 ott. – “Non c’e’ spazio per dubbi di sorta in Umbria, nella piccola Umbria che rappresenta solo il 2% della popolazione italiana, e’ scoppiata una vera rivoluzione che puo’ innestare una serie di processi di portata nazionale. E le ragioni fondamentali sono tre. La prima riguarda l’Umbria stessa, da sempre ambito della sinistra, governata da esponenti che hanno fatto della cultura, e piu’ spesso della ideologia, di sinistra un vero e proprio modello aziendale, che tendeva ad escludere chiunque non appartenesse a quella tradizione”.Lo afferma la senatrice Paola Binetti, UDC, che continua: “A questo stile di vita e di governo gli umbri hanno detto un no che non concede nessuno spazio a dubbi ed interpretazioni. La seconda ragione riguarda l’inedita alleanza Pd-M5S, nata per subentrare al governo Lega-M5S, avrebbe dovuto rappresentare la falsariga di ogni successiva alleanza regionale. I pentastellati arruolati dal Pd per prevenire la vittoria della Destra come si profilava all’orizzonte, ne escono massacrati, in flagrante contraddizione con i loro principi e i loro slogan. E il fallimento getta un’ipoteca pesante anche per prossime alleanze in Emilia o in Calabria, e perfino sul disastro assoluto di RomaCapitale! La terza ragione e’ che nonostante una vera e propria campagna di demonizzazione
nei confronti di Salvini, accusato di tutto e di piu’, oggi con questi
risultati si conferma come il leader nazionale di un Paese che ha voglia
urgente di cambiamento”.(SEGUE) (Com/Tar/ Dire) 10:37 28-10-19 NNNN