Sanita’ Puglia: Longo, tagliare veramente i rami secchi

(AGENPARL) – Roma, 12 apr – “Le inchieste sulla sanità continuano a produrre scosse e terremoti quasi quanto alcune scellerate decisioni di quel piano di riordino che potrebbe tagliare strutture efficienti e mantenere in vita altre che, invece, sarebbero davvero superflue”.

E’ quanto afferma in una nota Peppino Longo, consigliere regionale dell’Udc. “Mentre le cronache giudiziarie – prosegue Longo – continuano a scrivere nuovi capitoli, a preoccupare maggiormente sono le decisioni prese per un piano di riordino che ha creato e continua a creare veri sconquassi. Un nuovo rischio di taglio si abbatte su una struttura di eccellenza che sta collezionando risultati lusinghieri: parlo dell’Unità di ostetricia e ginecologia dell’ospedale “S. Maria degli Angeli” di Putignano, in provincia di Bari. Nel 2011 – prosegue il consigliere centrista – sono stati raggiunti numeri da record con il totale dei parti che ha raggiunto la quota di 1.200, di questi, per il 73 per cento si è trattato di parti spontanei eseguiti in analgesia. Si tratta di dati che dovrebbero far dormire sonni tranquilli i responsabili della struttura che, invece, non hanno nessuna certezza: la Regione ha deciso di tagliare 20 punti nascita sui 42 esistenti e quello di Putignano non è stato ancora indicato tra quelli che resteranno in vita. A questo punto – conclude Peppino Longo – c’è da augurarsi che Regione e Asl Bari non commettano un altro grossolano errore e taglino davvero i rami secchi, come purtroppo non è accaduto spesso in questi ultimi mesi. Se tagli devono essere, che vengano effettuati là dove è giusto farli”.










Lascia un commento