Pdl: Buttiglione, Berlusconi vuole ci ammazziamo tra noi per lui

(AGI) – Roma, 20 lug. – “A tutti quelli del PDL che si sono scandalizzati per quanto ha detto Casini alla direzione nazionale dell’UDC vorrei ricordare che Berlusconi ha lasciato il governo con un atto di responsabilita’ nazionale di cui non gli saremo mai sufficientemente grati perche’ ormai non c’erano piu’ in cassa i soldi nemmeno per pagare gli stipendi e le pensioni”.

E’ Rocco Buttiglione ad avverite che “il ritorno in campo di Berlusconi ci vuol riportare a quella vecchia politica che ci ha rovinati, ci vuole regalare un’altra bella campagna elettorale in cui si parlera’ di televisioni e processi, e alla fine avremo tutti le idee chiare sui problemi di Berlusconi e oscure sui problemi del Paese, e invece di unirci per salvare l’Italia ci ammazzeremo l’un l’altro in nome di Berlusconi”.

Il presidente Udc ricorda che “al di la’ dei singoli provvedimenti, il governo Monti significa un cambiamento morale della politica, la fine di un bipolarismo che si divide su Berlusconi, sui processi di Berlusconi e sulle televisioni di Berlusconi, e l’inizio di una politica che fa i conti con la realta’ e dice la verita’ anche quando e’ amara, anzi amarissima come in questi ultimi tempi”.

Buttiglione sottolinea che “questo e’ il problema vero che Casini ha messo in evidenza. Nasce un nuovo sistema politico, da una parte chi e’ per la serieta’ e per l’Europa, dall’altra chi pensa di poter tornare a un mondo di ieri che non c’e’ piu’. Noi – conclude – siamo stati i primi ad aprire gli occhi e a dire la verita’. Per capire come sono collocate in questo nuovo scenario le forze politiche basta guardare come votano in Parlamento. Noi e il PD sosteniamo il governo Monti, IDV e Lega votano contro, il PDL e’ diviso due terzi a favore e un terzo contro. Questo e’ il problema del PDL e non lo risolveranno lanciando insulti a Casini”.

 

 

 

 










Lascia un commento