Salute, Udc presenta Ddl per contratti formazione medici famiglia

(AGI) – Roma, 25 lug. – “Dare coerenza all’assunto che il medico di famiglia e’ il centro del sistema sanitario nazionale”. E’ da questo presupposto che muove il disegno di legge d’iniziativa del senatore Udc Claudio Gustavino. Un disegno di legge composto da soli due articoli che, andando a modificare i decreti del 1999 e 2006, istituiscono il contratto di formazione specifica di medicina generale. “Per dare coerenza al nostro sistema – ha spiegato Gustavino – che mette al centro il medico di medicina generale, occorre che si cominci dalla formazione, oggi focalizzata sugli specialisti”. “Il medico di famiglia, che pure si accinge a svolgere un ruolo tanto importante per la nostra societa’, e’ da questo punto di vista marginalizzato. Il ddl, dunque, si propone come traguardo minimo di dare pari dignita’ al medico di famiglia”, aggiunge il senatore Gustavino. Il tutto a costi molto contenuti, tutt’altro che un dettaglio in un periodo di revisione della spesa pubblica: si parla di contratti del costo di 11 mila euro l’anno. “i tratta di far passare un messaggio culturale, equiparare i corsisti di medicina generale agli specializzandi delle altre discipline mediche”. Il ddl prevede che all’atto di iscrizione al corso di formazione, il medico stipula uno specifico contratto della durata di un anno; lo schema-tipo del contratto e’ definito dal Presidente del consiglio su proposta del ministro della Salute; il contratto e’ stipulato con le regioni o le province nel cui territorio hanno sede le aziende sanitarie le cui strutture sono parte prevalente della rete formativa dei corsi di formazione; il contratto e’ rinnovabile di anno in anno, per una durata di tempo pari a quello del corso di formazione specifico in medicina generale. Il ddl prevede, infine, che il trattamento fiscale della borsa di studio non sia soggetto a trattenute Irpef e Irap.










Lascia un commento