Incendi Lazio, Carlino: Piccole accortezze per evitare incendi

Roma, 06 AGO (il Velino/AGV) – “E’ di poco fa la notizia diramata dal Corpo Forestale dello Stato che gli incendi boschivi in questi primi 7 mesi del 2012 sono addirittura il 93 per cento in piu’ rispetto allo stesso periodo del 2011, con un aumento del 63 per cento della superficie totale percorsa dal fuoco”.
Lo dichiara in una nota il presidente della commissione Ambiente e Cooperazione tra i Popoli della Regione Lazio, Roberto Carlino dell’Udc.

“Nell’ultimo mese e mezzo – prosegue l’esponente centrista – il Lazio e’ tra le regioni piu’ colpite insieme alla Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Toscana. Ricordando che la combustione spontanea e’ un fenomeno piu’ unico che raro e che, come conferma la Forestale, la maggior parte degli incendi e’ di natura dolosa, vorrei far presente alcune situazioni: cicche e cerini accesi non vanno gettati a terra o dai finestrini delle macchine, le temperature notevolmente alte, la siccita’ e le sterpaglie secche oltre al vento caldo sono tutti fattori che possono comportare una veloce propagazione degli incendi innestati da cause accidentali e dall’inesperienza; fare attenzione quando nei campi e nei terreni si bruciano le sterpaglie, mettendo in atto tutte quelle misure di sicurezza affinche’ non si propaghi un incendio; in caso di scampagnate e grigliate all’esterno accendere il fuoco solo nelle zone attrezzate e per sicurezza tenere a portata di mano un secchio con l’acqua per poter spegnere immediatamente tizzoni che accidentalmente possono provocare inizi di incendi; parcheggiare la macchina o il motorino, con la marmitta rovente, sia questa catalitica o no, su un terreno erboso, in questa stagione e’ sicuramente pericoloso e puo’ generare un principio di incendio”.

“Ma anche per le nostre abitazioni ed uffici ci sono delle buone pratiche da seguire – ricorda Carlino -: staccare dopo l’uso gli apparecchi per la ricarica dei telefonini e di altre apparecchiature, questi piccoli trasformatori se lasciati inseriti nella presa, oltre a consumare inutilmente della corrente, si surriscaldano rischiando anche di provocare un corto circuito o di prendere fuoco e per la stessa ragione non sovraccaricare mai le prese multiple; quando si adopera una prolunga avvolgibile bisogna sempre utilizzarla tutta quanta distesa, lasciarla avvolta crea del surriscaldamento e degli squilibri elettrici.
L’impegno che ogni giorno Corpo Forestale dello Stato, Corpo dei Vigili del Fuoco e i Volontari della Protezione Civile mettono nella prevenzione e nella lotta agli incendi boschivi, puo’ essere supportato e aiutato dai cittadini, segnalando con tempestivita’ eventuali focolai al numero di emergenza ambientale 1515, conclude Carlino.










Lascia un commento