Crisi: Buttiglione, Monti ha detto il vero. Ecco motivo delle critiche

(ASCA) – Roma, 7 ago – ‘Anche i migliori talvolta sbagliano. Monti ha commesso un errore di comunicazione, e’ vero, ma se la sono presa con lui anche perche’ ha detto cose vere. In particolare, che l’Italia non ha mai chiesto ne’ ha mai avuto un euro di sostegno dalla Ue, mentre molto abbiamo dato per altri Paesi’.
Cosi’ il presidente dell’Udc, Rocco Buttiglione, in un’intervista al quotidiano ‘Il Messaggero’, commenta le polemiche suscitate in Germania dall’intervista rilasciata dal presidente del Consiglio al settimanale ‘Der Spiegel’ in cui il premier italiano ha esortato i governi a mantenere una certa autonomia dai parlamenti nazionali affinche’ si possano prendere decisioni rapide per meglio combattere la crisi dell’Eurozona.

Quello che aveva in mente Monti, prosegue Buttiglione, ‘era questo: i governi devono avere il coraggio di guidare le maggioranze parlamentari e di mettere i parlamenti di fronte alle loro responsabilita’. L’idea che si possa prescindere dai poteri del Parlamento e’ una cosa sbagliata ovunque. In Germania e’ un’eresia. Li’ c’e’ una percezione molto piu’ netta del ruolo del Parlamento, del governo e della Corte costituzionale. E’ uno dei motivi per cui noi a volte non capiamo la politica tedesca e attribuiamo alla Merkel responsabilita’ non sue’.

Buttiglione parla infine degli aiuti che l’Italia potrebbe chiede a Bruxelles: ‘Bisogna prima fare chiarezza su due aspetti: cosa significa chiedere aiuto e quali sono le condizioni’.
In ogni caso, ‘l’Italia ha fatto i compiti a casa, non deve dare altre garanzie. La sola garanzia che possono chiederci e’ quella che dovremmo dare da soli: dire che la politica di Monti continua anche in futuro. Siamo titolati a chiedere interventi della Bce. Inoltre, chi comprasse titoli italiani farebbe un buon affare. Non sarebbe un aiuto ne’ un favore’.

 










Lascia un commento