Spending review: Noè, in Emilia Romagna urge riordino enti intermedi

Bologna, 25 set. – (Adnkronos) – “Urge un riordino degli enti intermedi”. E’ quanto sostiene la consigliera Silvia Noe’ (Udc) in un’interrogazione rivolta alla giunta regionale dell’Emilia Romagna, in cui ricorda il decreto sulla spending review prevede l’avvio di un processo di riordino degli enti e degli organismi intermedi delle Regioni e degli enti locali tale da arrivare a un contenimento delle spese non inferiore al 20%.

“Da una tabella di fonte Upi dell’anno 2009, – aggiunge la consigliera – in Emilia Romagna risulterebbero 368 strutture, di cui 9 enti, 59 consorzi, 58 aziende e 242 societa’ partecipate”.

Di qui la richiesta di “conoscere quante e quali strutture, in riferimento a quanto indicato dalla tabella dell’Upi, siano attualmente attive in Emilia Romagna; in quali tempi e con quali obiettivi la Regione intenda perseguire un intervento complessivo di riordino”.










Lascia un commento