Riforme: Libè, rivedere Titolo V Costituzione

Roma, 26 set. (TMNews) – “Il Paese ha bisogno di correre e la semplificazione serve anche per combattere uno dei grandi mali dell’Italia, la corruzione”. Lo ha dichiarato in una nota il Capogruppo dell’Udc in Commissione Affari costituzionali, Mauro Libè.

“Dobbiamo infrastrutturare l’Italia – ha aggiunto l’esponente centrista – per fornire servizi alle imprese e garantire energia a costi più bassi, per permettere cosi’ alle nostre realtà di competere sui mercati internazionali. Le regioni, in nome di una interpretazione retrograda del proprio ruolo, hanno messo i bastoni tra le ruote alla nascita di nuovi impianti industriali, magari dimenticandosi di sollecitare l’ammodernamento di quelli vecchi, costosi ed inquinanti. E le regioni sono enti che costano troppo ai cittadini per ridurre il loro ruolo semplicemente a questo”.

“Il Parlamento – ha concluso Libè – si deve attivare per rivedere il Titolo V della Costituzione, restituendo al Governo la competenza sulle questioni di interesse generale. Qualcuno inizia a fare autocritica, ma non basta. Ora si agisca per approvare quelle norme che permetterebbero realmente lo sviluppo del nostro sistema produttivo”.

 

 










Lascia un commento