Monti-bis: Galletti lo sosteniamo da sempre

(AGI) – Roma, 3 ott. – “Pensiamo di aver contribuito, certamente piu’ di altri, alla nascita e al percorso del governo Monti creando prima le condizioni per la sua nascita e sostenendolo poi con le nostre proposte in tema di liberalizzazioni, riforma del lavoro, spending review e riforma della giustizia, solo per citare alcuni esempi. Alcuni commentatori ci chiedono ancora per quali motivi auspichiamo, anche dopo il 2013, la continuazione dell’esperienza del governo Monti: chi altro avrebbe maggior titolo per farlo se non chi l’ha fortemente voluto dall’inizio?”. Lo scrive su La Stampa il presidente dei deputati Udc, Gian Luca Galletti, in riferimento all’articolo di ieri “Chi si nasconde dietro l’agenda Monti”.

“Noi – spiega l’esponente centrista – siamo convinti che l’assistenzialismo statale non serva, ne’ al sud ne’ al nord del Paese. Per questo abbiamo sostenuto e contribuito a migliorare la spending review presentata dal governo Monti; abbiamo votato in Parlamento da soli insieme all’Idv la soppressione totale delle provincie con la stessa determinazione con cui sosteniamo, non da oggi, che bisogna ridurre il numero dei comuni e anche delle regioni. Tutti fatti che mal si conciliano con un’impostazione assistenzialista.

Siamo federalisti convinti e proprio questa nostra vocazione ci ha portato, unico partito in Parlamento, a votare contro la legge 42/2009 istitutiva del cosiddetto federalismo fiscale voluta dal ministro Calderoli. I fatti ci hanno dato ragione”.

 










Lascia un commento