Lombardia: Mantini La Lega complice di Formigoni

(AGENPARL) – Roma, 12 ott – “Bossi ha l’onestà di dire che per il governo della Lombardia si voterà in primavera, con le prossime elezioni politiche, mentre Maroni si nasconde, è ambiguo. La Lega subisce il ricatto di Formigoni e si fa complice, per debolezza, per convenienza. Ma dove è finito il Maroni ministro dell’Interno, rigoroso contro la mafia e il crimine? Se Maroni non crede più all’alleanza con i resti del Pdl oggi, perché dovrebbe allearsi domani, solo perché spera nella poltrona di governatore? La Lombardia merita un rinnovamento e un governo autorevole, retto da un’alleanza tra moderati e riformisti. La Lega faccia le sue scelte”. Lo afferma in una nota l’on. Pierluigi Mantini Presidente, Udc Milano.










Lascia un commento