Nobel: De Poli, Zaia desolante, Ue ruolo chiave per democrazia

Roma, 13 ott. (Adnkronos) – “L’Unione Europea e’ nata come progetto di pace e di integrazione. E’ desolante sentire il solito anti europeista Zaia che, pur di scagliarsi contro l’Europa, finisce per contestare un premio Nobel che e’ stato riconosciuto come meritato da autorevoli esponenti di tutto il mondo”. E’ il commento di Antonio De Poli, deputato Udc e coordinatore regionale del partito in Veneto, alle affermazioni del Governatore del Veneto Luca Zaia sul premio nobel all’Ue. “Personalmente le frasi di Zaia -aggiunge- mi lasciano amareggiato non solo in quanto sono un europeista convinto ma sopratutto perche’ il presidente, a mio avviso consapevolmente, ignora la storia degli ultimi sessant’anni, in particolare dalla caduta del muro di Berlino in poi”. “Il massacro di Sebrenica e’ senz’altro una delle piu’ brutte pagine della storia in Europa ma che non puo’ impoverire un’istituzione come l’Ue che ha svolto un ruolo chiave nell’avanzamento della democrazia e dei diritto umani in Europa. Inoltre -conclude- non possiamo dimenticare il grande lavoro diplomatico svolto in questi anni per riportare la pace in Medio Oriente o in altre aree colpite dalla guerra”.










Lascia un commento