Gli emendamenti UDC al Ddl diffamazione a mezzo stampa

  A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO

Articolo 1 All’articolo 1, comma 1, lettera a),capoverso “Art. 8., comma 4, dopo le parole “ai commi 2 e 3” inserire le seguenti “entro il limite di trenta righe”.
Sen. D’Alia

MOTIVAZIONE
L’emendamento si propone di contenere l’estensione delle rettifiche.

A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO
Articolo 1

All’articolo 1, comma 1, lettera a),capoverso “Art. 8., comma 4, dopo la parola “pubblicate” eliminare le parole “senza commento”.
Sen. D’Alia

MOTIVAZIONE
L’emendamento prevede di mantenere il cosiddetto diritto all’ultima parola.

A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO
Articolo 1

All’articolo 1, comma 1, lettera a), capoverso “Art. 8., comma 6, le parole “senza commento” sono soppresse.
Sen. D’Alia

MOTIVAZIONE
L’emendamento prevede di mantenere il cosiddetto diritto all’ultima parola.

A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO
Articolo 1

Al comma 1, lettera a) capoverso Art. – 8, comma 6, sostituire le parole: ” a tiratura nazionale indicati dalla medesima persona”  con le seguenti: ” indicati dalla medesima persona e  individuati sulla base della diffusione quantitativa o geografica del mezzo  di comunicazione di cui al primo periodo”.
Sen.D’Alia; Sen. Serra; Sen. Gustavino

MOTIVAZIONE
L’emendamento prevede, in riferimento alla stampa non periodica, di equilibrare la rettifica all’offesa, prevedendo che i due quotidiani indicati dal soggetto offeso ove pubblicare la rettifica siano individuati sulla base della tiratura e diffusione geografica della stessa stampa non periodica attraverso cui si è recata l’offesa.

A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO
Art. 1

Al comma 1, lettera a),capoverso “Art. 8.-, aggiungere, infine, il seguente: “12-bis.  La pubblicazione della rettifica, secondo quanto previsto nei commi da 2 a 6, estingue il reato. “
Sen. D’Alia

MOTIVAZIONE
Con l’emendamento si propone ,quale causa di estinzione del reato, la rettifica.

A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO
Articolo 1

All’articolo 1, comma 1, lettera b),capoverso “Art. 9.,  comma 1, dopo le parole “pubblicazione della sentenza” inserire le seguenti  “integralmente o per estratto”.
Sen.D’Alia; Sen. Serra; Sen. Gustavino

MOTIVAZIONE
L’emendamento, in combinato disposto con il successivo, prevede che la pubblicazione integrale delle sentenze sia decisa dal giudice e non rimessa alla semplice richiesta della parte offesa

A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO
Articolo 1

All’articolo 1, comma 1, lettera b),capoverso “Art. 9.,  comma 1, le parole “La sentenza di condanna deve essere pubblicata sempre per esteso se la parte offesa ne fa richiesta” sono soppresse.
Sen.D’Alia; Sen. Serra; Sen. Gustavino

MOTIVAZIONE
L’emendamento, in combinato disposto con il precedente, prevede che la pubblicazione integrale delle sentenze sia decisa dal giudice e non rimessa alla semplice richiesta della parte offesa

A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO
Art. 1

Al comma 1, lettera d), capoverso “Art. 13.-, comma 1, sostituire le parole: ” ad euro 100.000″ con le seguenti: “ad euro 50.000”.
Sen.D’Alia

MOTIVAZIONE
L’emendamento intende ridurre la pena prevista in caso di diffamazione commessa con il mezzo della stampa, allineandola a quanto previsto dal terzo comma dell’art. 595 del Codice penale

A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO
Art. 1

All’articolo 1,comma 1, lettera d),capoverso “Art. 13., il comma 2 è soppresso.
Sen.D’Alia

MOTIVAZIONE
L’emendamento prevede l’eliminazione del raddoppio della pena in caso di recidiva, che potrebbe rappresentare una seria minaccia alla libertà e all’indipendenza della stampa.

A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO
Articolo 1

Al comma 1, lettera d), capoverso “Art. 13.-, al comma 4, sostituire le parole: ” consegue altresì ” con le seguenti: “può conseguire, tenuto conto della gravità dell’offesa”.
Sen.D’Alia

MOTIVAZIONE
L’emendamento prevede che l’interdizione dall’esercizio della professione giornalistica non sia automatica, ma facoltativa in ragione della gravità dell’offesa.

A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO
Articolo 1

All’articolo 1,  comma 1, lettera d),capoverso “Art. 13, comma 4, il secondo e il terzo periodo sono soppressi.
Sen.D’Alia

MOTIVAZIONE
L’emendamento prevede l’eliminazione del raddoppio della pena della sospensione dall’attività giornalistica in caso di recidiva, che potrebbe rappresentare una seria minaccia alla         libertà e all’indipendenza della stampa

A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO
Articolo 1

Al comma 1, lettera d), capoverso “Art. 13.-, dopo il comma 4, aggiungere il seguente: “4-bis.La pena accessoria di cui  al comma 4 non si applica qualora, a richiesta della persona offesa, sia stata pubblicata la dichiarazione o la rettifica con le modalità di cui ai commi da 1 a 6 dell’articolo 8.”.
Sen.D’Alia; Sen. Serra; Sen. Gustavino.

MOTIVAZIONE
L’emendamento prevede la non applicazione della pena accessoria dell’interdizione dall’esercizio della professione giornalistica nel caso in cui si proceda alla rettifica o alla dichiarazione secondo quanto prescritto dai precedenti commi

A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO
Art. 1

Al comma 1, lettera d), capoverso  Art. 13.-,comma 7, sostituire le parole: “La pena è aumentata fino alla metà” con le seguenti: ” La pena è raddoppiata”
Sen.D’Alia; Sen. Serra; Sen. Gustavino

MOTIVAZIONE
L’emendamento si propone di aumentare la pena in caso di concorso nel reato dell’autore,          del direttore o del vice, dell’editore e proprietario, i cosiddetti casi di “Macchina del fango”. 

A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO
Art. 2

All’articolo 2, lettera a), capoverso “Art. 57., il secondo e il quarto comma sono soppressi.
Sen. D’Alia

MOTIVAZIONE
L’emendamento prevede l’eliminazione del raddoppio della pena in caso di recidiva, che potrebbe rappresentare una seria minaccia alla libertà e all’indipendenza della stampa.

A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO
Art. 2

Al comma 1, lettera a) , capoverso Art.57.- , terzo comma, sostituire le parole: “La pena è aumentata della metà” con le seguenti: “La pena è raddoppiata”  
Sen.D’Alia; Sen. Serra; Sen. Gustavino.

Motivazione
L’emendamento si propone di aumentare la pena in caso di concorso nel reato dell’autore, del direttore o del vice, dell’editore e proprietario, i cosiddetti casi  di “Macchina del fango”.  

A.S. 3491-3492-3509-A
EMENDAMENTO
Art. 2

All’articolo 2, comma 1, lettera b),capoverso “Art. 594., comma 2 dopo la parola “telefonica” inserire le seguenti “o telematica”.
Sen.D’Alia; Sen. Serra; Sen. Gustavino

MOTIVAZIONE
L’emendamento, recuperando la previsione del dettato iniziale del disegno di legge prevede anche l’utilizzo del mezzo telematico.










Lascia un commento