Roma: Smedile, fallimento maggioranza non lo paghi la citta’

Roma, 1 nov. – (Adnkronos) – “Oggi possiamo dire di aver ritirato il certificato di fallimento della maggioranza Pdl che ha governato Roma. A differenza di quanto dice il sindaco noi dell’Udc non siamo una pericolosa banda di terroristi istituzionali, ed e’ per questo che valuteremo in occasione dell’Assemblea Capitolina di domani una fortissima riduzione degli emendamenti. Sempre che la maggioranza sia come ieri tutta in aula”.
Lo dichiara Francesco Smedile, consigliere Udc di Roma Capitale e presidente della Commissione Riforme Istituzionali per Roma Capitale.

“Noi – prosegue Smedile – non vogliamo che il prezzo del fallimento venga pagato dai romani. Avevamo proposto alle opposizioni un percorso condiviso sul bilancio e previsto un tale epilogo, che senza assunzione di responsabilita’ da parte di Alemanno e’ accaduto.
Ora dopo questa vittoria e l’inevitabile richiamo del prefetto, le opposizioni devono mostrare alla citta’ di rappresentare un concreto progetto di alternativa. Forse e’ per questo che al vicepresidente Ciocchetti o al segretario romano Udc Cozzoli ieri sera non e’ arrivata una telefonata del sindaco, a differenza di quanto accaduto con Zingaretti per il Pd”.
“Ora – conclude Smedile – e’ fondamentale non cedere alla legittima tentazione di fregiarsi di una inutile medaglietta facendo saltare il bilancio della capitale. I vincitori devono essere i cittadini romani che abbiamo l’onore di rappresentare”.










Lascia un commento