L.Elettorale: Casini, sceneggiata napoletana, Pd cade nuvole

(ANSA) – ROMA, 7 NOV – Sulla legge elettorale ‘e’ tutta una sceneggiata napoletana’ perche’ non c’e’ stato alcuno sgambetto ma ‘in Senato si e’ solo preso atto di un principio fissato dalla Corte costituzionale, secondo cui bisogna superare una certa soglia per accedere al premio di maggioranza’. Lo dice in una intervista alla Stampa il leader dell’Udc Pier Ferdinando Casini, secondo il quale il Pd ‘non puo’ cadere dalle nuvole’, visto che ‘sono anni che la Consulta lo va ripetendo e il Presidente della Repubblica ci ha richiamati piu’ volte’.

‘Tutto e’ perfettibile’ assicura pero’ Casini che invita a discutere ma ‘senza minacce di rovesciare il tavolo’. Anche perche’ ‘non e’ che se non piace l’idea del tetto dobbiamo abbattere l’edificio. Io non vorrei che fosse vero quanto si dice in giro, che a furia di rinvii qualcuno si era ormai rassegnato a votare con il Porcellum, con il suo premio di maggioranza spropositato, per cui adesso non gradisce il passo avanti del Senato’.

Se a Bersani ‘non piace la soluzione che abbiamo indicato – aggiunge – ne proponga un’altra. Si puo’ cambiare l’altezza dell’asticella, si puo’ ragionare sul premio al partito, sono tante le soluzioni’. Di sicuro pero’ ‘non si puo’ consentire a lui e Vendola di raddoppiare i voti per legge’. Non si puo’, insomma, pensare ‘di prendere il 25% e di essere proiettati, grazie al premio di maggioranza al 55% dei seggi’. (ANSA).

 










Lascia un commento