Crisi. Binetti, dati inquietanti, ora politiche sociali

(DIRE) Roma, 7 nov. – “Drammatica la proiezione e la valutazione dei dati Istat: mentre alla Camera si parla di legge di stabilita’ e si fanno ipotesi per il bilancio dei prossimi anni, occorre intervenire con tempestivita’ e realismo per contrastare l’epidemia della disoccupazione giovanile che e’ ormai una malattia ormai cronica, contagiosa e progressiva”. Lo afferma Paola Binetti, deputata dell’Udc.

Poi, osserva: “Nelle ‘Prospettive per l’economia italiana nel 2012-2013′ diffuse dall’Istat, si legge che la disoccupazione e’ ai massimi livelli nel 2012 e tale restera’ nel 2013.

L’incremento del tasso di disoccupazione previsto per quest’anno e’ 10,6%; nel 2013 il tasso di disoccupazione continuerebbe a salire (11,4%)”.

Per Binetti: “prendere decisioni, progettare interventi di vasto respiro, coniugare rigore e sensibilita’ sociale e’ sempre piu’ urgente. L’Istat ci dice che la fase di debolezza ciclica dell’economia italiana ‘condurrebbe a un deterioramento complessivo delle condizioni del mercato del lavoro’. Chiudere l’anno e concludere la legislatura in questa condizione drammatica significa consegnare a Grillo e ai grillini un alibi in piu’ per testimoniare l’inefficenza di una politica che dovrebbe sempre e comunque coniugare rigore e sviluppo… A quando le vere politiche in tal senso?”.










Lascia un commento