Elezioni: Casini, Election day, ma prima riforma elettorale

Roma, 15 nov. (TMNews) – Fare l’election day è nell’interesse del Paese, ma “tra votare ad aprile e votare alla fine di febbraio non cambia molto” e l’importante è fare prima una riforma elettorale, che deve riconoscere un premio di governabilità al partito di maggioranza relativa. Lo ha detto il leader Udc Pier Ferdinando Casini, durante un dibattito con Pier Luigi Bersani e Angelino Alfano all’assemblea della Cna. “L’election day conviene al paese. Io pensoche fare la legge elettorale e andare al più presto alle elezioni a questo punto sia un vantaggio per tutti, per la politica e per i cittadini”.

Per Casini “Fare la legge elettorale non è impossibile. Ritengo giusto che il partito di maggioranza relativa abbia un premio digovernabilità, e non sarà certo la discussione tra l’8 e il 10% che può cambiare la questione. Penso sia giusto che quel partito abbia la possibilità di tessere intorno a se un sistema di alleanze, questo è una cosa civile, difficilmente contestabile.

Nessuno vuole fare leggi a maggioranza”. Ha concluso Casini, “francamente tra votare ad aprile e avotare alla fine di febbraio non cambia molto, cambierebbe solo che il paese sarebbe precedemente in condizione di esprimere un governo e di superare una fase che obiettivamente è di incertezza”.










Lascia un commento