Fisco, Casini: contro patrimoniale ma l’avrei preferita all’Imu

Roma, 15 NOV (il Velino/AGV) – “Io oggi sono contro la patrimoniale. Dopo aver fatto l’Imu che e’ una patrimoniale mascherata manca solo che mettiamo la patrimoniale, facendo scappare i capitali. Ma, in linea teorica, io avrei preferito la patrimoniale all’Imu”. Il fisco e’ uno degli argomenti della tavola rotonda alla Cna tra Alfano, Bersani e Casini e il leader dell’Udcchiarisce la sua posizione sulla patrimoniale. Secondo Casini, “l’Imu ha finito per deprimere un settore vitale per tutti. Ha depresso tutto il settore immobiliare, chi fa case, la piccola impresa che lavora, chi affitta. Il settore si e’ fermato. In termini concettuali – ribadisce – era meglio mettere una patrimoniale, meglio colpire le rendite acquisite piuttosto che colpire la casa”. “Avrei fatto l’Imu piu’ leggera, soprattutto per la prima casa, e l’avrei affiancata con un’imposta personale sui grandi patrimoni mobiliari”. Sarei andato “a prendere un po’ di soldi dai capitali scudati – spiega -. Tutti i dotti m’han fatto lezione, dicendo che era una misura retroattiva”, ma “poi e’ arrivato Monti e s’e’ visto che era possibile”. Anche se il premier “ha messo 4 miliardi, noi ne chiedevamo 14, un’una tantum da dare a un grande piano di piccole opere nei comuni”. In tema di beni mobiliari, Bersani si accontenta che “vadano a effetto le misure di tracciabilita’”. Purche’ “le banche non ne approfittino: alla lunga risparmiano”. “Io sono contrario a ogni forma di tassazione. Sono contrarissimo”, chiude il segretario del Pdl Alfano.










Lascia un commento