Fisco: Udc, Imu no profit e paritarie, governo torni indietro

Roma, 28 nov. (TMNews) – “Abbiamo toccato il fondo: sul no profit e sulle scuole paritarie il Governo faccia un passo indietro”. La richiesta arriva dal deputato Udc Antonio De Poli che, intervenendo sul decreto del governo sull’Imu, aggiunge: “Se si cancella l’esenzione IMU le scuole paritarie chiuderanno i battenti e a farne le spese sara anche il mondo del no profit: sono in gioco 750 mila posti di lavoro. Non è spending review, ma una scelta miope che danneggia il Pil italiano e anche il bilancio dello Stato. Basti pensare che solo grazie alle scuole paritarie, secondo alcune stime lo Stato risparmia 10 miliardi”.

De Poli mette in evidenza che “il finanziamento pubblico delle paritarie in Europa è irrisorio e si limita solo alle scuole dell’infanzia e a quelle primarie convenzionate, a differenza del resto d’Europa. Pertanto cancellare l’esenzione IMU vuol dire emettere la sentenza di morte delle scuole paritarie e, più in generale, del no profit che contribuisce al 5 per cento del Prodotto interno lordo e fornisce servizi fondamentali ai cittadini, dalle mense ai dormitori, dall’assistenza ai disabili alla cura degli anziani, dalla protezione civile alla difesa del patrimonio culturale. Così si distrugge anche il modello Veneto dove le paritarie fanno risparmiare allo Stato 500 mln l’anno: in Veneto, infatti, quasi il 70 per cento dei bambini veneti, circa 93 mila, frequentano le scuole paritarie”.










Lascia un commento