PA. D’Alia a M5S: regole pre-Fornero anche per esonerati regioni

(DIRE) Roma, 19 set. – Sull’accesso alla pensione con le regole ‘pre-Fornero’, “per il dipartimento della Funzione Pubblica non ci sono motivi per discriminare i lavoratori ‘esonerati’ delle regioni rispetto a quelli dipendenti delle amministrazioni centrali”. Cosi Gianpiero D’Alia, ministro per la Pa e la Semplificazione, in una lettera di risposta a quella inviata nei giorni scorsi dai parlamentari del Movimento 5 Stelle in commissione Lavoro, che avevano chiesto al ministro se la garanzia dell’accesso alla pensione anticipata riguardasse anche i dipendenti degli enti locali che avevano scelto di abbandonare il posto percependo il 50% dello stipendio per i cinque anni necessari a maturare i requisiti. “Questo orientamento del ministero- spiega D’Alia nella lettera ai parlamentari M5s- e’ stato ribadito in riunioni tecniche e in una nota di risposta indirizzata al ministero del Lavoro, che stabilisce gli indirizzi su questo tema, nella quale si esprime il chiaro avviso che ‘la possibilita’ di accedere al beneficio della deroga dovrebbe essere garantita anche ai suddetti dipendenti, fermo restando naturalmente il limite del contingente stabilito'”. “In ogni caso- precisa D’Alia- non e’ corretto assimilare la situazione degli esonerati dal servizio della Pa con quella dei cosiddetti esodati. Per i primi, infatti, non vi e’ alcuna interruzione del rapporto con l’amministrazione datore di lavoro: qualora non possano beneficiare della salvaguardia, per loro si prolunghera’ il rapporto di esonero e continuerebbero cosi a percepire il trattamento economico al 50%, oppure al 70% se il dipendente dimostri di svolgere in modo continuativo attivita’ di volontariato”. “Da riunioni tecniche con il ministero del Lavoro e l’Inps- precisa D’Alia in conclusione di lettera- risulta che il numero dei dipendenti interessati sarebbe pari a circa 350 unita’”, di molto inferiore rispetto ai 1500 riportati dai parlamentari grillini e da alcuni articoli di stampa.










Lascia un commento