P.A.: D’Alia, situazioni precari non e’ sotto controllo

Roma, 25 set. (Adnkronos) – La questione dei precari del pubblico impiego “non e’ sotto controllo, stiamo lavorando per accelerare i tempi per l’approvazione del decreto al Senato”.
Lo ha affermato il ministro della Pubblica amministrazione, Gianpiero D’Alia, in occasione di un convegno sulla corruzione all’universita’ Luiss.
Il ministro, infatti, ha spiegato che dal conto annuale della Ragioneria dello Stato risulta che i precari sono molto aumentati negli ultimi anni, “nel conto annuale del 2007 risultavano 112 mila rapporti di lavoro flessibile, in quello del 2011 122 mila. Si tratta di rapporti di lavoro che riguardano soprattutto Province, Regioni ed Enti locali: e’ chiaro che bisogna andare rapidamente ad una via di uscita”, ha sottolineato. Il decreto legge sulla pubblica amministrazione, che contiene le norme per i precari, al momento e’ all’esame della commissione Affari costituzionali e dagli iniziali 600 emendamenti presentati la scorsa settimana si e’ passati, ad oggi, a 480. Si tratta di “un provvedimento complesso -ha spiegato D’Alia- che riguarda vari settori della Pubblica amministrazione e stiamo approfondendo il tema, e’ giusto che ci sia un confronto in Parlamento”. Ma quanto alla tempistica, che dovrebbe prevedere il voto in Aula entro venerdi’ il ministro ha detto “me lo auguro ma dipende dai tempi della commissione”. Sul nodo concorsi e riserva di posti per i precari, sul quale nella scorsa settimana c’e’ stato uno scambio di vedute tra D’Alia e Scelta Civica, il ministro ha detto che “sara’ oggetto di confronto in commissione” ma ha ricordato che l’apertura dei concorsi con una riserva al 40% per i contratti a termine gia’ esiste. “Il punto e’ chiudere la partita definitivamente affinche’ si possa contrarre in due anni la spesa per il personale della Pubblica amministrazione in maniera indolore”.










Lascia un commento