Carceri: Casini, ora il Parlamento operi senza indugio

Roma, 8 ott. (Adnkronos) – “Il messaggio del presidente Napolitano alle Camere sul sovraffollamento delle carceri italiane che viola i diritti umani e umilia il nostro Paese davanti al mondo deve essere accolto e tradotto in concreto dal Parlamento senza ulteriore indugio”.
Lo dichiara Pier Ferdinando Casini, presidente della commissione Affari esteri del Senato.

”Lo stesso presidente Napolitano -aggiunge- ha ricordato che dal 1953 al 1990 si sono succeduti provvedimenti di amnistia ogni tre anni circa. Poi piu’ nulla, se si eccettua l’indulto del 2006: si tratta di un’ulteriore conferma del fatto che la politica negli ultimi 20 anni sull’emergenza carceri ha colpevolmente ridimensionato il proprio ruolo, preferendo inseguire facili consensi piuttosto che perseguire l’interesse generale del Paese”. “Se oggi si vuole davvero voltare pagina, occorre dunque mettere da parte gli interessi contrari e contingenti e superare timori e tentazioni strumentali – di cui il fanatismo di alcune dichiarazioni di oggi e’ preoccupante segno rivelatore – per rispondere ad un preciso dovere civile e morale. E per evitare, tra l’altro -conclude Casini -, ripercussioni negative sul bilancio dello Stato in seguito a nuove prevedibili condanne europee per gravi violazioni dei piu’ elementari diritti umani”.










Lascia un commento