Casini: legge stabilità non è opera ingegno ma contributo serio

Roma, 16 ott. (TMNews) – “La manovra? Era quello che si poteva fare”. Lo ha detto Pier Ferdinando Casini (Udc), intervenendo ad ‘Agorà’, su Rai Tre.

 “C`è – ha aggiunto – un abbassamento della pressione fiscale molto contenuta. I tagli alla sanità andavano scongiurati non perché non ci siano sprechi, clientelismi e ruberie ma perché compromettono i malati e le loro famiglie. Questa finanziaria non è un`opera di ingegno straordinaria ma nelle condizioni date io credo sia un contributo serio soprattutto per quello che non c`è: non ci sono nuove tasse, non c`è inasprimento della pressione fiscale. Tutti avrebbero voluto un intervento più incisivo sul cuneo e sulle tasse sul lavoro, ma il governo dove andava a prendere i soldi?

 










Lascia un commento