Casini a Aung San Suu Kyi, testimone coraggiosa nostra epoca

(ANSA) – ROMA, 28 OTT – “E’ una testimone coraggiosa della nostra epoca” e oggi alla paladina della liberta’ chiusa in uno Stato non democratico “si sostituisce la statista, che lavora per concretizzare quella transizione” avviata dalla Birmania. Cosi’ il presidente della commissione Esteri del Senato Pier Ferdinando Casini ha salutato oggi a Palazzo Giustiniani Aung San Suu Kyi. “Il Myanmar e’ un Paese bellissimo che merita liberta’ e pace”, ha aggiunto Casini alle cui parole si sono aggiunte quelle della vicepresidente del Senato Valeria Fedeli che ha assicurato “l’impegno dell’Italia, dell’Europa e dell’intera comunita’ democratica nel sostegno” al processo di transizione birmano. Un impegno – ha concluso Luigi Manconi, presidente della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani – per noi “oneroso e ineludibile”. Ma, ha rimarcato, “l’elemento piu’ prezioso della liberta’ di cui godiamo consiste nella nostra capacita’ e intelligenza di condividere con gli altri quella liberta’. E la vostra capacita’ di essere liberi anche all’interno di un regime dispotico e’ un messaggio per tutti noi”.

 










Lascia un commento