Fonsai: Galletti, ministro non vuol dire essere disumani

(ANSA) – ROMA, 1 NOV – “Servire le Istituzioni come Ministro non puo’ significare diventare disumani e disperdere la propria sensibilita’ personale”.
Cosi’ in una nota Gian Luca Galletti (UDC), Sottosegretario all’Istruzione.

“Riteniamo che il ministro Cancellieri, come in altre occasioni, abbia operato nel pieno rispetto del ruolo istituzionale e con estrema attenzione alla questione carceraria – aggiunge Galletti – che l’ha vista impegnata in prima linea fin dal primo giorno del suo mandato per fronteggiare l’emergenza del sovraffollamento e delle condizioni dei detenuti, con risultati gia’ apprezzabili”. “Informando immediatamente i capigruppo con la lettera di ieri, il Ministro ha inoltre dimostrato rispetto del Parlamento e delle sue prerogative – conclude il Sottosegretario – Chi si ostina a costruire retroscena su questa vicenda e a cercare secondi fini si assume una grave responsabilita’ politica su fatti sui quali il procuratore di Torino Gian Carlo Caselli ha fatto fin da ieri piena luce”.










Lascia un commento