Sc: Cesa,non colpa nostra se progetto con Monti non riuscito

(ANSA) – ROMA, 22 NOV – “Se non si e’ riusciti a costruire con Monti un progetto per gli italiani non e’ stato certo per colpa nostra: noi abbiamo fatto di tutto, subito umiliazioni che non voglio nemmeno ricordare. C’e’ stato chi e’ salito in cattedra volendo presentarsi come il nuovo e ha preteso di darci lezioni, quando poi nei fatti si comportava nel modo piu’ vecchio e cinico. Abbiamo atteso che maturassero i tempi e che sempre piu’ persone in Scelta Civica, dentro e fuori il Parlamento, si rendessero conto della realta’”. E’ un passaggio della relazione di Lorenzo Cesa, segretario nazionale Udc, al consiglio nazionale del partito. “Da mesi – sostiene – diciamo di voler essere il lievito di qualcosa che puo’ crescere nel Paese, il mattone di una casa piu’ grande. Oggi ci sono nuove energie pronte a lavorare insieme a noi per realizzare questo progetto. Quella casa non puo’ che essere il popolarismo europeo, che ha per fondamenta i valori in cui tutti ci riconosciamo, coerenti con la nostra storia e il nostro progetto per il domani. Le prossime settimane saranno assolutamente decisive”. “Rinviare il nostro Congresso – ha concluso Cesa – significa fare un atto di disponibilita’ e di umilta’ verso gli altri. Ma adesso bisogna partire, iniziamo dalla grande manifestazione di domani”. (ANSA).










Lascia un commento