Maro’: Casini, da India provocazione ora arbitrato internazionale

(AGI) – Roma, 18 feb. – Pier Ferdinando Casini ha stigmatizzato il nuovo rinvio del processo ai due maro’ italiani in arresto in India. “Dobbiamo essere uniti tutti per rispondere a quella che e’ una vera e propria provocazione”, ha detto il leader Udc al termine della consultazioni alla Camera con il premier incaricato Matteo Renzi, nella delegazione congiunta con i Popolari per l’Italia con il ministro Mario Mauro. “Non si e’ mai visto in un Paese civile che il potere giudiziario chieda consigli al governo in ordine all’applicazione di una legge. Questo contraddice tutta una storia di regole dello stato di diritto e noi siamo molto, molto preoccupati per questo nuovo vulnus che ci proviene dall’India”, ha insistito. “Il nostro Paese e’ unito e siamo stati soddisfatti dell’attenzione con cui il presidente incaricato Renzi ci ha promesso che seguira’ comunque questa vicenda dei nostri due maro'”, ha riferito. “E’ una vicenda che brucia fortemente”, ha proseguito, “il governo in queste settimane ha lavorato fortissimamente, ma il problema rischia di complicarsi. Per questo chiediamo un arbitrato internazionale, un intervento dell’Onu immediato. I nostri maro’ non possono essere giudicati da un sistema inaffidabile come quello indiano”.










Lascia un commento