Udc:Casini, non possiamo rinunciare a Ppe solo perche’ c’e’ FI

(ANSA) – ROMA, 22 FEB – “Non possiamo rinunciare al progetto del Ppe solo perche’ nei paraggi c’e’ anche Silvio Berlusconi”. Con queste parole Pier Ferdinando Casini, intervenuto nella seconda giornata dei lavori dell’Udc, ha confermato il dialogo con le componenti piu’ moderate del Ppe, a cominciare da Angelino Alfano del Nuovo Centrodestra. Per sottolineare che non bisogna avere paura del Cavaliere, l’ex presidente della Camera ha ricordato che anche Matteo Renzi lo ha incontrato nonostante le polemiche: “Il segretario del Pd ha spiegato al suo partito che la musica era cambiata e che si ha successo se si ha un programma valido, non se si e’ antiberlusconiani”. La parte piu’ corposa del suo discorso Casini l’ ha dedicata a respingere le critiche che in piu’ interventi gli sono state rivolte per la gestione dell’Udc negli ultimi anni: “Non sono disposto – ha sottolineato – ad abiurare la mia vita politica di cui sono orgoglioso nonostante gli errori”. Tra questi, uno, Casini lo ha riconosciuto apertamente e senza riserve: “Esserci appiattiti con le nostre posizioni sul Governo di Mario Monti e questo e’ stato proprio un mio errore”. Casini ha invece rivendicato come punto a suo favore l’aver deciso di “sbattere la porta” a Berlusconi: “Gli abbiamo detto che i nostri valori non erano in vendita e questo e’ accaduto quando non sapevamo se avremmo ottenuto il quorum per restare in Parlamento”.(ANSA). 










Lascia un commento