Dl missioni: Casini, sospensione non minaccia ma autolesionismo

(AGI) – Roma, 27 feb. – “Detto brutalmente, noi possiamo minacciare se facciamo male. Ma se minacciamo e ci facciamo male, che minaccia e’? Qui non stiamo minacciando gli altri, ma stiamo minacciando noi stessi”. Lo ha detto il presidente della commissione Esteri del Senato, Pier Ferdinando Casini, relatore in aula a Palazzo Madama del dl missioni. “Se sospendiamo la nostra partecipazione alla missione antipirateria – ha aggiunto – i primi che si troveranno in difficolta’ saranno gli armatori nazionali, cioe’ le nostre navi che rimarranno le uniche scoperte rispetto alle altre. Per cui non causeremmo un presunto danno ritorsivo verso qualcun’altro, ma solo un atto autolesionista nei nostri confronti”. “Io capisco quando si fa un discorso generale, con Minzolini l’abbiamo fatto anche in Commissione, in ordine alla partecipazione alle missioni, ma, nello specifico, questa – ha sottolineato – e’ una cosa autolesionista nei confronti degli interessi dell’Italia”.

 










Lascia un commento