Ppe: Casini, a elezioni dire che Ue deve cambiare politica

(ANSA) – ROMA, 28 FEB – I partiti aderenti al Ppe devono dire alle prossime elezioni europee di maggio che l’Ue deve cambiare la politica economica, puntando alla crescita, perche’ il rigore “non e’ la soluzione ma parte del problema”. Lo ha detto Pier Ferdinando Casini parlando al convegno dei giovani del Ppe(Yepp) in corso a Montecitorio. “Le prossime elezioni europee – ha detto Casini – saranno una grande sfida e io non sono ottimista: il rischio enorme – ha spiegato – e’ il successo di partiti populisti e anti-europeisti, partiti cioe’ che assommano alle istanze anti-europee, un attacco alla politica e alle classi dirigenti nei loro Paesi. In Italia abbiamo M5s, ma partiti analoghi esistono in altri Paesi”. “All’Europa – ha detto ancora il leader dell’Udc – si imputa l’eccessiva burocrazia, la recessione, si imputa di non fare quello di cui abbiamo bisogno anche noi: non esiste solo il controllo rigido dei conti, ma occorre anche la crescita”. “Se alle prossime elezioni – ha insistito Casini – non diciamo che vogliamo una Europa che cambi politiche, non fermeremo gli anti-europeisti. L’Euro-retorica non basta piu’. Noi del Ppe alle elezioni dobbiamo mostrare consapevolezza di cambiare politica, perche’ l’attuale politica non e’ la soluzione ma parte del problema”.










Lascia un commento