Udc: D’Alia, Ppe italiano con Ncd e Per l’Italia, ma dialogo con FI

(ASCA) – Roma, 6 mar 2014 – ”Nel congresso dell’Udc e’ stata decisa la linea unitaria di costruire il Partito Popolare europeo in Italia partendo dalle forze che sostengono l’attuale esecutivo, vale a dire Udc, Ncd e Popolari per l’Italia. Ma non e’ sufficiente: lo spazio entro cui avviare questo dialogo non puo’ escludere chi oggi ha la rappresentanza di circa il 20% degli elettori italiani, una porzione di elettorato alternativa alla sinistra. E mi riferisco a Forza Italia”.
Lo afferma in un’intervista a Si24, quotidiano online siciliano, il deputato dell’Udc Gianpiero D’Alia, ex ministro per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione.

”Nel momento in cui Renzi – spiega D’Alia – porta il Pd all’interno del Partito socialista europeo, la nostra strada e’ quella di collocarci all’interno di un’area di ispirazione popolare. E’ un cambiamento necessario per costruire una nuova offerta politica anche attraverso una nuova classe dirigente”. ”Chi, pure nell’Udc – conclude D’Alia – ritiene che il nostro partito debba essere una nuova Margherita, costola del centrosinistra, sceglie un percorso non condiviso”.










Lascia un commento