L. Elettorale. D’Alia: va scritta con l’opposizione

(DIRE) Roma, 6 mar. – “Ogni volta che la legge elettorale e’ stata scritta senza tener conto delle istanze delle opposizioni si e’ fatto un danno al Paese. E’ una questione di metodo e di merito: le regole si scrivono insieme, maggioranza e opposizione”.
Lo dice in un’intervista a ‘Si24’, quotidiano online siciliano, il deputato dell’Udc Gianpiero D’Alia, ex ministro per la Pa e la Semplificazione.

“Il ballottaggio- spiega D’Alia- serve a fare in modo che si mettano in piedi maggioranze parlamentari omogenee: il turno unico fino ad oggi ha solo registrato la costruzione di cartelli elettorali e non di soggetti politici omogenei. E’ questo il motivo per cui siamo propositivi verso l’accordo elettorale. Ed e’ per questo che non possono essere sostenute battaglie di retroguardia sulle soglie di sbarramento per mantenere in vita partiti bonsai”. “Il dibattito sulla legge elettorale- conclude D’Alia- deve tener conto della valorizzazione delle grandi aree politiche per fare in modo che si organizzino, specie quella moderata”.










Lascia un commento