Centro: Cesa rilancia, gruppi unici Ncd-Popolari-Udc

(ANSA) – ROMA, 29 MAR – “Non ci interessa la sommatoria dei partiti esistenti, ma dare un respiro ampio e alto ad un progetto ambizioso, e oggi realizzabile: costruire in Italia un’area ampia di cattolici,moderati e riformatori che si riconosca a livello europeo nel Ppe e che abbia come minimo comune denominatore quello di dare una prospettiva solida al futuro per l’Italia, un Paese che non ha bisogno di populismi e di estremismi,ma di riforme vere”. Così Lorenzo Cesa interviene al Comitato Regionale Udc del Piemonte, alla presenza del senatore Antonio De Poli e del segretario Regionale Balagna. “Penso che anche le scelte a livello regionale piemontese debbano essere coerenti con quello che decideremo a Roma la prossima settimana” afferma Cesa che sembra dunque ottimista sulla possibilità di raggiungere l’intesa.
 “Vogliamo essere il mattoncino che con coraggio sorregge la nuova costruzione. Proprio per questo dobbiamo buttare il cuore oltre l’ostacolo. Ritengo quanto mai opportuno dare un segnale tangibile di questa intenzione reale: per quanto ci riguarda dobbiamo fare un gruppo unico a Camera e Senato con chi crede in questa prospettiva”, continua. “L’Udc intende svolgere un ruolo importante nell’area moderata che si riconosce nel Ppe – aggiunge il senatore Antonio De Poli presente al Comitato Regionale dell’Udc del Piemonte riunito ora a Torino – in Europa dobbiamo riprendere con forza il disegno politico dell’Unione europea che si basa sulla solidarietà fra gli Stati. E’ arrivato il momento di porre un freno all’ondata populista di Le Pen che arriva dalla Francia: aggregare le forze che si riconoscono nel Ppe e’ il percorso obbligato e responsabile se si vuole fermare il populismo di chi vorrebbe spostare indietro le lancette dell’orologio portandoci fuori dall’euro. Proprio per questo ritengo che la proposta coraggiosa del segretario Udc Cesa di metterci in gioco e di fare gruppi unici a Camera e Senato vada perseguita con impegno e determinazione”. 










Lascia un commento