Roncalli-Wojtyla: Casini, Giovanni Paolo II spronò politici

(ANSA) – ROMA, 26 APR – “La visita del Santo Padre al Parlamento italiano fu per noi tutti, indipendentemente dalle posizioni politiche, culturali e religiose, una grande emozione. Simboleggiò il suo amore verso l’Italia e gli italiani”. Lo dice Pier Ferdinando Casini che domani sarà in piazza San Pietro ricordando quando, in veste di Presidente della Camera, ricevette Giovanni Paolo II nell’aula di Montecitorio. “Lui, che era venuto da lontano, da un Paese comunista, ma che più di qualsiasi altro aveva concorso alla caduta del muro di Berlino e al superamento di un regime disumano, ci spronò all’attenzione verso gli ultimi, pensando ai carcerati, a coloro che soffrivano, dimenticati spesso anche dalla politica e ci richiamò alle radici cristiane dell’Europa, un’Europa che deve aprirsi agli altri senza dimenticare chi è, da dove viene e qual è la sua identità profonda”, conclude Casini. 










Lascia un commento