Riforme: proposta Udc-Pi, senatori eletti dai cons. regioni

(ANSA) – ROMA, 28 APR – E’ stata presentata la proposta di modifica alla riforma del Senato firmata da Giuseppe De Mita, vicesegretario nazionale dell’Udc, e dal senatore Mario Mauro, leader dei Popolari per l’Italia, che sarà illustrata da quest’ultimo domani alla Commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama. “La nostra proposta – dichiarano De Mita e Mauro – intende fornire un contributo in termini di chiarezza rispetto all’ipotesi di riforma presentata dal Governo con specifico riferimento alle funzioni e alla rappresentanza. Non ci impicchiamo sulla questione dell’elettività della Camera delle Autonomie. L’obiettivo è quello di lavorare per la definizione di una riforma che preservi razionalità e funzionalità e che sia depurata da scorie populiste che pure vi si intravedono. I punti qualificanti sono: chiara scelta di un Senato delle Autonomie su base territoriale, con conseguente definizione della rappresentanza e delle funzioni. In merito alla rappresentanza, la scelta più coerente è quella di affidare ai soli consigli regionali la elezione di rappresentanti in rapporto alla popolazione regionale. In merito alle funzioni vengono formulate due ipotesi: la prima, che lascia in capo alle Regioni competenze legislative, ma con una definizione certa delle competenze tra Stato e Regioni, al fine di ridurre il contenzioso davanti alla Corte Costituzionale. La seconda, più coerente con il diritto comunitario, che affida alle Regioni solo competenze amministrative con sensibile riduzione dei costi istituzionali e delle disomogeneità normative. In entrambi i casi il Senato diventerebbe la camera di regolazione dei rapporti con le Regioni, affidandogli una funzione chiara e tipica, volta alla integrazione tra interesse nazionale e principio delle autonomie”.










Lascia un commento