Ambiente: Galletti, Anche i satelliti per salvare mare e dare caccia ai pirati ambientali

Ambiente: Galletti, Anche i satelliti per salvare mare e dare caccia ai pirati ambientali

(ilVelino/AGV NEWS) Roma, 12 LUG – “L’operazione di disinquinamento del mare svolta ieri a Baja Sardinia, uno straordinario tesoro naturale della Costa Smeralda, ha avuto pieno successo: si e’ rischiato un disastro ambientale, sventato grazie al lavoro congiunto tra il ministero dell’Ambiente e la Capitaneria di Porto. Ora e’ stata aperta un’indagine per individuare il responsabile di questo atto sciagurato, che, come dispone la legge, dovra’ personalmente risarcire tutti i costi dell’intervento”. Cosi Gian Luca Galletti, ministro dell’Ambiente, torna su quanto accaduto ieri in Costa Smeralda, dove la Capitaneria di Porto della Maddalena e’ intervenuta per ripulire una chiazza di gasolio di circa 600 metri a Baja Sardinia. “La caccia ai delinquenti che inquinano i nostri mari – osserva Galletti – si arricchira’ presto di nuovi strumenti: e’ all’esame del ministero la possibilita’ di mettere sotto controllo satellitare le nostre piattaforme e il nostro mare. Intendo poi intensificare la gia’ ottima sinergia e cooperazione con il Comando Generale delle Capitanerie di Porto, nostro straordinario partner operativo, introducendo semplificazioni nelle procedure per rendere ancor piu’ efficaci e tempestivi gli interventi in mare”. “Il Mediterraneo – spiega Galletti – rappresenta lo 0,8% del globo, ma vi transita oltre il 25% degli idrocarburi di tutto il mondo, con circa 200 petroliere che lo attraversano ogni giorno e alcune centinaia di migliaia di tonnellate di idrocarburi che, per sinistri o operazioni dolose, finiscono in mare. Con il DL 91/2014, ora all’esame del Parlamento, vorrei estendere la responsabilita’ degli incidenti anche ai proprietari del carico che scelgono navi ‘carrette’ inadeguate al trasporto di idrocarburi: siamo a lavoro per individuare altre misure che rafforzino il principio ‘chi inquina paga’ contro gli atti di pirateria ambientale”. 










Lascia un commento