Nucleare, referendum: Libè, i soliti stregoni comunicazione

2009-12-18T12:42:00

Era sbagliato 20 anni fa, oggi e’ assurdo e anti-storico

(DIRE) Roma, 18 dic. – “Il nucleare non e’ la sola soluzione per ridurre il costo dell’energia e tutelare l’ambiente, combattendo in maniera efficace il riscaldamento globale. Ma senza l’opzione nucleare non si puo’ pensare di affrontare con serieta’ il tema”.

Lo afferma Mauro Libe’, capogruppo dell’Udc in commissione Ambiente della Camera, secondo cui “non servono a nessuno stregoni della comunicazione che, per raccogliere un po’ di consenso tra quegli ambientalisti del ‘no’ che gia’ tanto male hanno fatto all’Italia, pensano oggi di presentare un referendum”. Referendum che, critica Libe’, “se era sbagliato venti anni fa, oggi e’ a dir poco assurdo e antistorico”.

L’Italia, continua l’esponente dell’Udc, “ha bisogno di scelte nette portate avanti con determinazione per rendere il paese indipendente dal punto di vista energetico – e quindi realmente sovrano – e per far scendere la bolletta che tutti noi paghiamo ogni giorno con maggiore fatica”.










Lascia un commento