Berlusconi. Casini: Maroni chiarisca su sicurezza premier

2009-12-15T14:26:00

(DIRE) Roma, 15 dic. – “L’incondizionata solidarieta’ e vicinanza al presidente del Consiglio. L’odio non e’ nel nostro codice genetico e tanto meno possiamo considerare nemico il presidente del consiglio del nostro paese”. Lo dice Pier Ferdinando Casini parlando in aula alla Camera dopo l’informativa di Roberto Maroni.

“Abbiamo il dovere di un supplemento di serieta’ e di serenita’”, dice Casini sottolineando che “se si perde il senso della misura in questo momento si perde l’occasione per capire il messaggio che arriva da questo evento alla politica”. Il leader dell’Udc sottolinea tuttavia che bisogna chiarire gli aspetti legati alla sicurezza del premier. “Per una persona normale- dice- appare impossibile ritenere che non vi siano state falle nel sistema di sicurezza del premier. E tuttavia ribadiamo la fiducia nel ministro Maroni e siamo fiduciosi che approfondira’ questi aspetti”.










Lascia un commento