Processo breve: Mantini, no a resa a avvocati premier

2010-01-11T19:22:00
(ANSA) – ROMA, 11 GEN – ‘Il maxiemendamento serve a poco.
Finche’ il processo breve si applichera’ ai processi gia’ in corso non c’e’ alcuna possibilita’ di intesa perche’ l’effetto e’ quello di un’amnistia ingiusta e distruttiva’, afferma Pierluigi Mantini (Udc) della Commissione Affari Costituzionali della Camera.
‘Governo e maggioranza – aggiunge – abbandonino il risiko dell’impunita’, sospendano il processo breve e ricerchino una soluzione ragionevole sulla sospensione dei processi del premier e il confronto sulle riforme. L’Udc ha proposto la legge Vietti sul legittimo impedimento ma gli emendamenti presentati alla Camera dalla maggioranza ripropongono il testo Costa-Brigandi’.
Siamo per il confronto su una soluzione ed un percorso di buon senso non per la resa incondizionata ai voleri degli avvocati del premier’.










Lascia un commento