Ruvolo, da ‘Striscia’ attacco disgustoso ad arance di Ribera

2010-01-16T14:26:00
Roma, 16 GEN (Velino) – “Quanto mandato in onda giovedi’ 14 gennaio da ‘Striscia la notizia’ sulle arance di Ribera e’ incredibile ed ingiustificabile. Piu’ che amareggiato, sono disgustato e arrabbiato”. Cosi’ il capogruppo Udc in Commissione Agricoltura alla Camera dei Deputati, Giuseppe Ruvolo. “Nel maldestro tentativo di mascherare una pubblicita’ occulta attraverso l’evidenziazione delle differenze tra l’arancia rossa di Sicilia e quella definita ‘taroccata’, con chiare ed inequivocabili allusioni al prodotto che, per le sue riconosciute caratteristiche rientra tra quelle a Denominazione di Origine Protetta (Dop) ‘Arancia di Ribera’, bionda e con il caratteristico ombelico, e’ stata di fatto denigrata – sottolinea l’esponente centrista – una varieta’ coltivata con impegno, dedizione e grande professionalita’ su un vasto territorio costiero della provincia di Agrigento. Se accanto all’innegabile disattenzione nei confronti del comparto agricolo del governo Berlusconi – prosegue il deputato agrigentino – si aggiunge anche la slealta’ di addetti ai lavori che, anziche’ fare fronte comune per un rilancio serio, utilizzano miseri espedienti che rischiano d’innescare una vera e propria guerra tra poveri, vuol dire che siamo proprio giunti al capolinea. Pertanto, proprio nel momento in cui, con grandi sforzi e sacrifici degli agricoltori, l’arancia bionda e con l’ombelico va affermandosi nei mercati internazionali, grazie anche al recente riconoscimento della Dop, unico agrume in Europa – prosegue il deputato agrigentino – non posso far passare per una leggerezza cio’ che ha immediatamente provocato reazioni e ripercussioni negative al punto da indurre i vertici del Consorzio di tutela dell’Arancia Dop a verificare i presupposti per azioni legali a difesa dell’immagine del prodotto. Da parte mia, oltre ad una interpellanza parlamentare, ho gia’ attivato il partito nei confronti dell’organo di garanzia per le telecomunicazioni”.










Lascia un commento