Legittimo impedimento: Vietti, se troppo carico il ponte crolla

2010-02-02T12:18:00
(AGI) – Roma, 2 feb. – L’Udc e’ tornato ancora una volta a chiedere che il legittimo impedimento si applichi solo al presidente del Consiglio. “Diciamo al governo: Attenzione, il ponte e’ esile. Ha una portata limitata, non illudiamoci di farci transitare sopra qualcosa di piu’ dell’impedimento per il presidente del Consiglio”, ha dichiarato in aula alla Camera Michele Vietti, durante gli interventi sulle pregiudiziali di costituzionalita’. “Se carichiamo questo ponte di altri pesi, rischiamo di farlo crollare anche prima del tempo, prima dei 18 mesi”, ha ammonito.
Dunque, ha insistito, “attenzione all’impedimento continuativo che indebolisce il carattere occasionale della norma, attenzione a prevedere ogni attivita’, attenzione alla mancata previsione degli atti urgenti probatori, attenzione a pretendere di farci passare anche i ministri”.
Attenzione, ha detto ancora, “perche’ se si pretende di far passare su questo ponte stretto o fragile” troppe cose “il rischio e’ che cada e avremo perso un’altra occasione per avviarci a soluzione del tema complessivo della giustizia”.
Dunque, e’ stata l’esortazione di Vietti, “la maggioranza possibilmente d’intesa con l’opposizione ci faccia una proposta di modifica costituzionale sulle prerogative che rompa questa frizione permanente tra politica e giustizia che tutti denunciano a parola, ma rispetto alla quale c’e’ una grande timidezza nelle iniziative”. (AGI)










Lascia un commento