Processo breve: Vietti, se ne riparla come minimo dopo l’estate

2010-02-03T16:18:00
Roma, 3 feb. (Apcom) – Il ddl sul processo breve, approvato dal Senato, entrerà nel vivo alla Camera “come minimo” dopo l’estate.
Lo sostiene in Aula a Montecitorio il vicepresidente dei deputati dell’Udc Michele Vietti, motivando l’astensione del suo gruppo sul legittimo impedimento.
Al responsabile Giustizia del Pd, Andrea Orlando, che faceva notare al partito di Pier Ferdinando Casini di avere cambiato idea rispetto a quando chiedevano il ritiro del processo breve in cambio del voto favorevole al legittimo impedimento, Vietti ha detto: “Qualche cosa sul processo breve è avvenuto: è finito in Commissione con la calendarizzazione di una serie infinita di audizioni cui si è dato il termine del 30 giugno. Quindi ne parleremo come minimo dopo le ferie”. Tuttavia “non essendoci la formale rinuncia della maggioranza a questo provvedimento, non voteremo a favore del legittimo impedimento”. L’Udc si asterrà.










Lascia un commento