Giustizia: Vietti, non ci appartiene la logica del tanto peggio tanto meglio

2010-02-03T18:48:00
Roma, 3 feb. – (Adnkronos) – “Per quanto ci riguarda la logica del tanto peggio tanto meglio non ci appartiene e anche a costo di incomprensioni e di attacchi concentrici in cui anche in questa occasione siamo stati fatti oggetto, anche a costo di non lucrare sulla demagogia di un giustizialismo a buon mercato di cui l’onorevole Di Pietro ci ha appena dato un esempio di scuola, noi ci siamo assunti le nostre responsabilita’ e abbiamo detto in pubblico quello che tutti dicono in privato: il re e’ nudo, il re sotto processo mette sotto scacco le istituzioni e la paralisi che ne deriva danneggia il Paese”.
Lo ha affermato il vicecapogruppo dell’Udc alla Camera Michele Vietti, annunciando l’astensione del suo partito sulla proposta di legge sul legittimo impedimento.
“Voi -ha proseguito rivolgendosi agli partiti dell’opposizione- preferireste oggi essere qui a votare, soccombendo visti i numeri, il processo breve oppure preferite essere qui a lamentarci sul fatto che rinviamo due soli processi sospendendo la prescrizione e consentendone la ripresa al termine del mandato? Non e’ una domanda retorica. La rimozione di quello che l’onorevole Casini ha chiamato il macigno dei processi di Berlusconi, che qui vengono accantonati non cancellati, consente di rimuovere gli alibi che ammantano questa paralisi che fa da anni del nostro Paese una sorta di bosco della bella addormentata, in cui tutti dormono e nulla si muove”.
“Senza l’alibi dei processi Berlusconi deve governare, deve dimostrare di saper affrontare i problemi gravi dell’Italia, senza scappare dalla crisi con la scusa di scappare dai giudici. Senza l’alibi dei processi, Governo e maggioranza devono affrontare i nodi delle riforme, uscendo dalla spirale perversa per cui non si fanno le riforme costituzionali per cui non si puo’ fare contestualmente la riforma della giustizia e non si fa la riforma della giustizia perche’ si interferirebbe con i processi di Berlusconi”.










Lascia un commento