Bologna: Udc propone lodo Galletti per voto in autunno

2010-02-08T18:01:00
(ANSA) – BOLOGNA, 8 FEB – Sul voto a Bologna l’Udc propone il ‘lodo Galletti’, fondato su un emendamento che apra una finestra dal 15 settembre al 15 novembre.
Il deputato bolognese Gianluca Galletti, candidato Udc alla guida della Regione Emilia-Romagna, presentera’ venerdi’ un emendamento che modifica la legge elettorale degli enti locali (182/91), all’interno del decreto sugli interventi urgenti sugli enti locali che dovrebbe essere convertito in legge entro il 25 marzo. L’emendamento prevede la possibilita’ di andare a votare tra il 15 settembre e il 15 novembre per tutti i capoluoghi di provincia commissariati, ad eccezione di quelli che lo siano per infiltrazioni mafiose.
‘A differenza dell’emendamento del Pd, che riguarda Bologna e altri pochi casi simili – ha sottolineato Galletti in una conferenza stampa – il nostro vale per tutti i capoluoghi di provincia e non presenta quindi alcuna forzatura normativa’. La finestra autunnale sarebbe infatti un ulteriore turno elettorale ordinario, valido sempre e non solo per uno o pochi casi. Il principio generale alla base del provvedimento e’ legato al fatto che ‘un lungo commissariamento per citta’ medio-grandi vorrebbe dire bloccare investimenti e un volano importante dell’economia nazionale’.
‘Benche’ noi a Bologna siamo per votare al piu’ presto – ha spiegato – ci rendiamo conto che non ci sono le condizioni politiche per votare a giugno. Percio’ proponiamo questo emendamento a Pd e Pdl. Se c’e’ un minimo di buonsenso, dovrebbe funzionare. Questa e’ una proposta intermedia che puo’ dare una risposta positiva ai problemi di Bologna. Per dire di no ci vorrebbe un bel coraggio’. L’appello di Galletti a Pd e a Pdl non e’ comunque privo di polemiche. ‘Il Pd la smetta di fare la vittima, sono loro i boia che hanno provocato questa situazione.
E il Pdl non provi a strumentalizzare a scopi elettorali una situazione cosi’ difficile per la citta’. Chiedo responsabilita’ a tutti. Se tutti i parlamentari bolognesi convergeranno si potra’ evitare il rischio di una paralisi per la citta”.

 










Lascia un commento