Regionali Piemonte: Casini, temi etici non vietano accordo

2010-02-12T15:11:00
(ANSA) – TORINO, 12 FEB – Le differenze sui temi etici non impediscono all’Udc di allearsi con Mercedes Bresso per le Regionali in Piemonte. Lo ha rimarcato oggi a Torino il leader del partito, Pier Ferdinando Casini, che ha ricordato come la sperimentazione dell’Ru486 sia stata avviata dal predecessore di Bresso, esponente del centrodestra, e come l’Udc fosse nella giunta regionale del presidente del Friuli ai tempi della vicenda Englaro.
‘Se qualcuno vuole fare la rivelazione che ci sono temi etici che ci dividono da Bresso – ha detto Casini – copre l’acqua calda. Questi problemi ci sono, come ci sono stati durante la vicenda Englaro, con il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia che l’aveva accolta. Parliamo di un presidente che guidava una giunta composta allora da Udc, Lega e Pdl. Ma nessuno ha mai pensato di farlo dimettere per quel problema.
Eppure gli stessi che si sono dimenticati ieri di fare cio’, oggi dicono e’ impossibile l’accordo fra noi e Bresso. Ricordo che Bresso non deve legiferare sui temi etici e, come ha detto, applica le leggi dello Stato. E la sperimentazione della pillola Ru486 e’ stata avviata in Piemonte dall’ex presidente Enzo Ghigo, esponente del Pdl’.










Lascia un commento