Crisi: Casini, governo vive di speranze

2010-02-20T18:28:00
(ANSA) – VERONA, 20 FEB – ‘Il governo spera che passi la crisi e che passi al piu’ presto: la speranza e’ bella, pero’ non si vive di speranze ma di cose concrete’. Lo ha detto il leader dell’Udc Pierferdinando Casini, che ha concluso la sua giornata elettorale in Veneto incontrando a Verona una rappresentanza di lavoratori delle aziende in crisi.
‘Ci sono migliaia di disoccupati, il Nord del Paese e’ falcidiato dalla disoccupazione e continuiamo a sentire la litania che tutto va bene. Magari fosse cosi – ha proseguito Casini – Noi non siamo catastrofisti, vogliamo dare sempre iniezioni di ottimismo, ma queste si scontrano con le problematiche di tanti lavoratori’. Il leader dell’Udc ha affrontato anche il caso del Centro ricerche Glaxo di Verona che la multinazionale farmaceutica vuole chiudere: ‘La Glaxo e’ solo una delle grandi questioni di aziende in crisi enorme, soprattutto al nord. In Veneto si sono persi 50 mila posti di lavoro, un dato che e’ piu’ eloquente di qualsiasi nostra chiacchiera. Con gli ammortizzatori sociali si e’ fatto qualcosa – ha spiegato Casini – ma non e’ sufficiente. Oggi si tratta di avere l’idea del futuro del nostro Paese. Ad esempio un piano per la ricerca che possa evitare l’esodo e l’ulteriore esportazione di intelligenze. Qui corriamo il rischio di avere aziende che chiudono e noi rispondiamo con i soliti slogan: non basta, non serve e si corre il rischio di acuire la crisi’.
‘Tra l’altro – ha concluso – non si e’ fatto niente nemmeno per le famiglie, che oggi sono il grande ammortizzatore sociale, perche’ se le aziende chiudono, tante volte e’ la famiglia che interviene per evitare che il lavoratore rimasto per la strada sia portato alla disperazione, ma il quoziente familiare e’ rimasto lettera morta’.










Lascia un commento