Ru486: Bianchi, disparita’ regionale non tutela donne

2010-02-22T18:17:00
(ASCA) – Roma, 22 feb – ‘E’ pericoloso ed equivoco invocare il federalismo quando si parla di aborto chimico; chi lo fa mette a rischio la salute delle donne’. E’ quanto afferma in una nota Dorina Bianchi, vicepresidente dei senatori Udc.
‘Se c’e’ una materia su cui bisogna evitare disparita’ tra regione e regione e’ proprio questa – spiega Bianchi – Servono linee guida nazionali che siano da supporto alla legge 194 e il cui principio ispiratore non sia il risparmio economico, ma la difesa della donna’.
L’augurio della senatrice Udc e’ che ‘il governo mantenga l’impegno ed elabori direttive che non trascurino l’importanza dell’ospedalizzazione della paziente che – conclude – deve essere monitorata lungo tutta la procedura abortiva’.

 










Lascia un commento